Image Alt
Test moto

Rieju Aventura 125

Rieju Aventura 125

Oggi vi presentiamo una novità per il mercato delle moto da Trail, una motocicletta unica nel suo genere.
Ci riferiamo alla Rieju Aventura 125, la piccola 4 Tempi “tuttofare” dalla grande personalità.
Una ventata d’aria fresca all’interno di uno dei segmenti più popolari e richiesti del momento che strizza l’occhio ai più giovani.
La Rieju Aventura 125 è un modello dal grande appeal, ideale per chi vuole avvicinarsi al mondo dell’Adventure e per chi è alla ricerca di una moto versatile, agile e poco impegnativa.
Se è vero che nella botte piccola ci sta il vino buono, la Aventura 125 nonostante la piccola cilindrata sa far divertire sia su asfalto che su sterrato.
La Rieju Aventura 125 è equipaggiata da un motore a 4 tempi da 125 cm3, raffreddato a liquido, prodotto dal colosso cinese YAntsu, costruito su ingegneristica Piaggio.
Questo piccolo propulsore alimentato dall’iniezione elettronica, è provvisto di avviamento elettrico e offre prestazioni efficienti con consumi davvero irrisori.
Ma parliamo ora della ciclistica di questa Rieju 125.
La motocicletta è ben rifinita sotto ogni aspetto e dal design accattivante.
I componenti sono di qualità a partire dal robusto telaio tubolare in acciaio a doppia trave, equipaggiato di una forcella anteriore a steli rovesciati.
Up Side Down come si dice in gergo tecnico! Al posteriore troviamo un monoammortizzatore con sebatoio del gas separato che lavora su sistema a leveraggio progressivo, in abbinamento ad un robusto forcellone in acciaio.
Essendo questa motocicletta principalmente dedicata ai più giovani, la casa di Girona ha avuto un occhio di riguardo per quello che concerne il fattore sicurezza.
Ci riferiamo all’impianto frenante.
I dischi dei freni sono Wave, con un disco da 260 mm di diametro all’anteriore e pinza a doppio pistoncino che, in abbinamento al sistema CBS, fornisce al pilota una frenata davvero efficace.
Per chi non lo sapesse, la sigla CBS significa “Combinated Brake System” e si tratta di un sistema di sicurezza che grazie ad una valvola di controllo, ripartisce la frenata su entrambe le ruote anche quando utilizziamo un singolo freno.

All’anteriore troviamo una ruota a raggi tangenziali da 18 pollici mentre al posteriore il cerchio è da 17.
Gli pneumatici sono della CST.
Continuando a parlare della ciclistica, in termini di dimensioni la Aventura 125 si dimostra una moto versatile e facile da guidare in ogni situazione, con un serbatoio da ben 14 litri di capienza ed un peso complessivo a secco di 138 kg.
Non dimentichiamo che è pur sempre una 4T. Agile e divertente in ogni situazione,
la Rieju Aventura 125 è un modello di moto particolarmente indicato ai neofiti, ideale per vivere le prime esperienze su strada e con un approccio leggero e poco impegnativo all’off-road.
Un’altezza della sella ridotta di 78 cm da terra, fa sì che anche i piloti meno esperti e “diversamente alti”, possano sentirsi a loro agio una volta in sella.
Toccare agevolmente a terra con entrambi i piedi, trasmette infatti sicurezza e comfort, un aspetto da non trascurare e in totale controtendenza rispetto agli standard del settore.
La dotazione di serie offre un bel display con schermo LCD, luci a Led, protezione del carter, presa USB ed un ampio portapacchi per istallare se necessario un bauletto o una borsa morbida.

:: ONBOARD

Per la realizzazione del test dinamico abbiamo utilizzato la Rieju Aventura 125 per un’intera giornata dove il clima favorevole ed i colori autunnali, sono stati la cornice ideale della nostra prova.
Si parte su asfalto!
Appena salgo in sella mi rendo conto di quanto sia piccola questa motocicletta.
Io che sono alto 175 cm, tocco perfettamente a terra con entrambi i piedi (magari fosse così per tutte le moto che guido) fattore che, abbinato ad una presa piuttosto larga del manubrio, mi rende all’istante padrone del mezzo.
I pregiudizi comunque sono tanti per chi come me è abituato a guidare motociclette dall’indole più racing.
Giro la chiave e il display si illumina inizialmente con un’animazione ben fatta del logo Rieju, che lascia poi spazio a tutte le informazioni indispensabili come il contagiri, il contachilometri, l’indicatore della temperatura e del carburante.
Premo il tasto dell’accensione posto vicino al comando del gas e il contagiri si colora.
Ingrano la prima marcia e parto.
Sin dai primi metri mi rendo conto di quanto sia piacevole guidare questa motocicletta.
La posizione di guida da seduto è comoda e perfetta per la mia corporatura.
Il motore è davvero lineare e tranquillo.
Inserisco le marce in successione acquistando velocità, senza pretendere nulla di più dal piccolo propulsore che godere del piacere di guidare e dei paesaggi che attraverso in questa splendida giornata soleggiata.
Le parole d’ordine sono: “senza fretta”.
La Avventura 125 si muove agile nel traffico urbano, dona molta fiducia in curva grazie alla sua manovrabilità e su asfalto le vibrazioni sono praticamente assenti.
I freni poi sono incredibili.


Quando pinzo il posteriore per metterla alla prova, sento la sospensione anteriore comprimersi.
È il sistema CBS che distribuisce il carico della frenata in modo uniforme su entrambi i freni anche se ne utilizzo uno solo.
Questo sistema garantisce una riduzione sensibile degli spazi di arresto ed una maggiore stabilità del mezzo.
Su asfalto la frenata è davvero incisiva e funzionale, quasi sovrastimata per l’esigua cavalleria di questo modello.
Ma come si comporterà in off-road?
Sei sono le marce a disposizione, con una sesta di riposo.
In un bel rettilineo sono curioso di scoprire la velocità massima che può raggiungere questa 125. Mi assetto in carena e sfioro i 100 km orari in quinta marcia fino a toccare i 110 in sesta piena.
La Aventura 125 non è certo nata per gareggiare, la sua velocità di crociera sono gli 80 km/h e davvero può portarti ovunque.
É il momento di mettere le ruote sullo sterrato.
Il baricentro basso rende questa motocicletta molto agile nei cambi di direzione, stabile e precisa. Il motore è bolso ma sa far divertire.
Gioco a far lo slalom tra gli alberi di un bosco dal fondo sabbioso, sull’argine di un fiume.
Mi piace entrare in curva a tutto gas e far derapare il posteriore.
Il motore è energico e reattivo per la piccola cubatura e soprattutto mai brusco.
Questo mi permette di non indugiare mai sull’acceleratore, tenendolo sempre ben spalancato. Se su asfalto il sistema CBS è funzionale, in off-road tutto diventa più complicato. Ogni volta che utilizzo il freno posteriore infatti, si aziona anche la pinza anteriore e sento l’avantreno chiudersi, rischiando di cadere a terra.
Il CBS in off-road andrebbe sicuramente disabilitato con qualche escamotage.

Dopo la terribile alluvione di maggio che ha devastato l’intera regione e cambiato la morfologia del territorio, paradossalmente a pochi mesi di distanza il fiume che tanto ha spaventato, ora è quasi in secca.
Ci sono solo 30 cm di acqua ed è un motivo più che valido per gettarmici dentro.
Guidare questa 125 dentro l’alveolo del fiume è un divertimento unico anche se la guida in piedi risulta un po’ scomoda.
In piedi sulle pedane la moto risulta piccola anche per me che non sono un gigante.
Le pedane poggiapiedi sono provviste di inserti in gomma removibili, per quando decidiamo di utilizzarla prevalentemente in fuoristrada.

:: QUINDI?

Questa motocicletta nel suo genere è davvero interessante, il tutto sta nel saperla collocare all’interno del giusto segmento di appartenenza.
Sia chiaro che la Aventura 125 non è una motocicletta pensata per i lunghi viaggi, e nemmeno una enduro con cui lanciarsi in sentieri e mulattiere.
Semplicemente la Rieju Aventura 125 è una motocicletta nata per l’uso quotidiano, per muoversi nel traffico cittadino e per avventurarsi in qualche sterrato poco impegnativo.
La sella bassa, la ciclistica facile ed il motore mansueto, sono le caratteristiche ideali i per chi vuole avvicinarsi al mondo delle moto e del fuoristrada, con un approccio poco impegnativo. Comoda e bella anche da vedere, la Rieju Aventura 125 è la motocicletta ideale per chi ama guidare utilizzando il cambio e la frizione, una valida alternativa al classico scooter a presa diretta.
I bassi consumi e l’omologazione per il passeggero, sono gli ingredienti perfetti per vivere una “Aventura” ogni giorno.
Proposta nelle due colorazioni nera e rossa, la Rieju Aventura 125 viene venduta al prezzo davvero accessibile di 4.500 euro. |

SCHEDA TECNICA

MotoreCiclistica
• Propulsore: monocilindrico tempi,
raffreddamento a liquido,
• Cilindrata: 125 cc
• Alesaggio x corsa: Ø 58 x 47 mm
• Alimentazione: iniezione elettronica
• Omologazione: Euro5
• Frizione: multidisco in bagno d’olio
• Cambio: 6 rapporti
• Trasmissione finale: a catena
• Avviamento: elettrico
• Telaio: acciaio tubolare a doppia trave,
• Sospensione anteriore: upside-down
• Sospensione posteriore: progressivo su sistema a leveraggio
• Freno anteriore: disco Wave da 260 mm
su pinza a doppio pistoncino
• Freno post.: disco Wave da 240 mm
• Pneumatico anteriore: CST, 100/90-18″
• Pneumatico post.: CST, 130/80-17″

SCHEDA TECNICA

Dimensioni e pesoEquipaggiamento
Distanza tra gli assi: 1370 mm
• Larghezza: 880 mm
• Altezza massima: 1330 mm
• Altezza sella: 780 mm
• Peso a secco: 138 Kg
• Capacita serbatoio: 14 l
• CBS Brake System
• Indicatori di direzione a Led
• Dashboard LCD
• Paramotore

Testo: Rodolfo MaraldiFoto: Francesco Giglio

GALLERY

ENDURISTA MAGAZINE

La prima rivista italiana dedicata interamente al mondo dell’enduro.

Informazioni pubblicitarie

Per la tua pubblicità sulla nostra rivista:

marketing@setteeditori.com

Informazioni tecniche

Per specifiche tecniche inerenti ai nostri spazi pubblicitari:

grafica@setteeditori.com